Stellantis e LG Energy Solution investiranno 5 miliardi di dollari CAD in una joint venture per realizzare il primo impianto di produzione di batterie agli ioni di litio in Canada

Stellantis N.V. e LG Energy Solution (LGES) hanno annunciato la sottoscrizione di accordi vincolanti e definitivi per realizzare il primo impianto di produzione di batterie per veicoli elettrici su larga scala in Canada. La joint venture produrrà celle e moduli per batterie agli ioni di litio all’avanguardia per soddisfare una parte significativa delle esigenze di produzione dei veicoli di Stellantis in Nord America.

La joint venture investirà oltre 5 miliardi di dollari CAD (4,1 miliardi di dollari statunitensi) per avviare le attività, che includeranno un nuovissimo impianto di produzione di batterie a Windsor, Ontario, Canada. L’inizio delle attività per la costruzione dello stabilimento è previsto entro la fine dell’anno e l’avvio delle operazioni di produzione partiranno nel primo trimestre del 2024.

L’impianto mira ad avere una capacità produttiva annuale superiore a 45 gigawattora (GWh) e creerà fino a 2.500 nuovi posti di lavoro a Windsor e nelle aree circostanti. A livello comunale, provinciale e federale del governo canadese ha accettato di sostenere in pieno il successo dell’operazione della joint venture.

Con la collocazione dell’impianto di produzione a Windsor, Ontario, sede del più grande cluster automobilistico del Canada, Stellantis e LGES prevedono che lo stabilimento farà da catalizzatore per la creazione di una solida catena di fornitura di batterie nella regione. Il Canada è impegnato a stabilire un ampio ecosistema locale di batterie sfruttando, tra gli altri fattori, una posizione di leadership nella produzione di elettricità da fonti rinnovabili.

“La nostra joint venture con LG Energy Solution è un altro passo verso la realizzazione del nostro ambizioso piano di elettrificazione nella regione, che mira a raggiungere il 50% delle vendite di veicoli elettrici a batteria negli Stati Uniti e in Canada entro la fine del decennio”, ha dichiarato Carlos Tavares, CEO di Stellantis. “Siamo grati all’amministrazione canadese a livello comunale, provinciale e federale per il sostegno dimostrato e per l’impegno nel contribuire a posizionare il Canada come leader nella produzione di batterie per veicoli elettrici in Nord America.”

“Attraverso questa joint venture, LG Energy Solution si posizionerà come attore determinante nella realizzazione di catene di valore dell’energia verde nella regione”, ha dichiarato Youngsoo Kwon, CEO di LG Energy Solution. “Creare una joint venture per la produzione di batterie in Canada, riconosciuta come una delle nazioni leader per le risorse energetiche rinnovabili, è fondamentale per LG Energy Solution, che mira ad alimentare sempre più veicoli elettrici in tutto il mondo.”

“L’annuncio di oggi di una struttura leader mondiale per costruire batterie per veicoli elettrici a Windsor è un investimento nei nostri lavoratori, nelle nostre comunità e nel nostro futuro. Partnership come queste sono fondamentali per creare nuovi posti di lavoro e mettere il Canada all’avanguardia dell’economia pulita. Lavorando insieme, stiamo creando migliaia di nuovi posti di lavoro, facendo la differenza nella vita delle persone ora e assicurandoci che le generazioni future abbiano un ambiente pulito in cui vivere” ha sottolineato l’Onorevole Justin Trudeau, Primo Ministro del Canada

“Attrarre questo investimento multimiliardario assicurerà il posto dell’Ontario come hub nordamericano per la costruzione delle auto e delle batterie del futuro. Mentre ci assicuriamo investimenti che cambiano il gioco, stiamo anche collegando le risorse, le industrie e i lavoratori dell’Ontario settentrionale con la forza produttiva dell’Ontario meridionale per costruire catene di approvvigionamento locali. Ogni regione dell’Ontario ne beneficerà con la creazione di migliaia di posti di lavoro e un’economia più forte che funziona per tutti” ha commentato il Premier, Doug Ford

“Stellantis è il più grande datore di lavoro di Windsor e ha una ricca storia in questa comunità. Chrysler ha iniziato le operazioni in questa comunità nel 1925 e ha impiegato generazioni di lavoratori di Windsor-Essex nel suo stabilimento. Con questo annuncio, stiamo assicurando il futuro per migliaia di altri lavoratori locali e garantendo la posizione strategica di Windsor come sede del futuro dei veicoli elettrici del Canada. Mentre il mondo si orienta verso i veicoli elettrici, Windsor sarà presto sede dell’impianto di produzione di batterie che alimenta il tutto” ha detto il Sindaco di Windsor, Drew Dilkens

Come parte del piano strategico Dare Forward 2030, Stellantis ha annunciato piani per realizzare globalmente vendite di veicoli elettrici a batteria per cinque milioni di unità nel 2030, raggiungendo con i BEV il 100% del mix di vendite di autovetture in Europa e il 50% di autovetture e veicoli commerciali leggeri in Nord America. Stellantis ha inoltre aumentato la capacità pianificata di batterie da 140 GWh a circa 400 GWh, grazie al supporto di cinque impianti di produzione di batterie e di contratti di fornitura aggiuntivi.

LG Energy Solution, con quest’ultimo annuncio, si è assicurata una capacità di produzione di oltre 200 GWh in Nord America ogni anno, che consentirà la produzione di 2,5 milioni di veicoli elettrici ad alte prestazioni. Il produttore di batterie ha precedentemente annunciato piani per investire circa 4,6 miliardi di dollari statunitensi in impianti dedicati alla produzione di batterie in Nord America. A livello globale, LGES è in procinto di espandere la propria rete di produzione internazionale in più continenti, inclusi Paesi come Canada, Stati Uniti, Polonia, Indonesia, Cina e Corea del Sud.

Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica evidenzia lo spostamento del baricentro decisionale del Gruppo Stellantis verso la Francia e a danno dell’Italia: dov’era la politica quando si decise di fondere FCA e PSA per creare Stellantis?

LA POLITICA ITALIANA SI E’ SVEGLIATA DAL LETARGO SULLA VICENDA STELLANTIS – Il Copasir ( Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) , per preservare gli interessi nazionali nell’industria automobilistica, ha evidenziato che deve essere valutato l’ingresso di Cassa depositi e prestiti nel gruppo Stellantis, per «favorire un ribilanciamento di pesi» tra i francesi di Psa e la Fiat, e si invitano le Camere a prevedere, al momento della ratifica del trattato del Quirinale tra Italia e Francia, «un’adeguata tutela degli asset strategici in ambito finanziario e industriale». A dicembre del 2019 quando è stato firmato il Combination Agreement ( leggi qui) dov’era la politica italiana tutta? Ha preferito essere spettatore e non protagonista. Tutte le agenzie avevano comunicato che la nuova società sarebbe stata paritetica 50% Fca e 50% Psa, con sede legale in Olanda e con quotazione a Milano, Parigi e Wall Street. Le sedi operative saranno a Torino, Parigi e Auburn Hills.

MAGGIORANZA FRANCESE IN STELLANTIS – Lo Stato francese ha una quota del 6,5%, l’8,5% alla famiglia Peugeot ed il 14,4% ad EXOR ( la holding controllata dalla famiglia Agnelli – Elkann). Lo scorso settembre, cedendo l’1,15% della sua partecipazione, i cinesi di Dongfeng hanno avviato la loro uscita grduale dal capitale di Stellantis, dal quale usciranno completamente entro fine 2022. Nel CdA su undici consiglieri, sei vengono da PSA ( incluso il CEO Carlos Tavares). L’ipotesi di ingresso dello Stato italiano in Stellantis è solo una provocazione oppure ci sarà una volontà governativa in tal senso? Che lo si vada a definire in tempi stretti. L’intero comparto industriale ex FCA in Italia merita di essere valorizzato e non dimenticato in un momento storico cruciale per il settore automotive.

8 febbraio 2022: anteprima mondiale della nuova Alfa Romeo Tonale. Ordinabile da aprile 2022 la C-Suv del Biscione

  • Alfa Romeo è lieta di presentare Tonale, il modello che segna la metamorfosi del Brand. Pur rimanendo fedele al proprio DNA di nobile sportività italiana dal 1910, con Tonale, Alfa Romeo evolve radicalmente e si proietta nella nuova era della connettività e dell’elettrificazione.
  • Design inconfondibilmente italiano e straordinariamente fedele al concept da cui prende origine. Tecnologia, software e sistemi di elettrificazione allo stato dell’arte concepiti per essere al servizio del DNA del Marchio, un universo di servizi innovativi dedicati al cliente.
  • Una chiara missione: reinventare la sportività nel ventunesimo secolo. Il nome segna la continuità evolutiva con Stelvio, una nuova affascinante strada che porta verso una nuova destinazione: il futuro.
  • Tonale è prodotta in Italia, presso il rinnovato stabilimento “Gianbattista Vico” di Pomigliano d’Arco, una delle realtà produttive più avanzate nel mondo automotive, dove è stata realizzata una linea di montaggio dedicata con tecnologie d’avanguardia e livelli di automazione senza precedenti.
  • Tecnologia da primato su Tonale, volta ad esaltare l’esperienza di guida, la customer experience e proteggere il valore residuo.
  • In esclusiva mondiale, Tonale è la prima vettura sul mercato a essere dotata di certificato digitale NFT (non-fungible token). Basato su tecnologia “blockchain”, ed associato in maniera univoca, l’NFT di Tonale certifica la vettura al momento dell’acquisto, ed evolve a rappresentarne l’utilizzo nel corso del ciclo vita dell’auto, con assoluti vantaggi sulla protezione del valore residuo.
  • Connettività ai massimi livelli e un sistema di infotainment completamente nuovo, disegnato per offrire aggiornamenti “Over The Air” e integrazione con Amazon Alexa. Con una dimensione totale di 22.5”, i due grandi schermi Full TFT rappresentano il “best in class” nel segmento.
  • Tecnologia al servizio della sicurezza, con sistemi ADAS di livello 2, e del comfort a bordo. Si entra in un ambiente disegnato per e intorno agli occupanti, in cui la meticolosa cura dei dettagli sposa la ricerca continua della più elevata qualità.
  • Elettrificazione allo stato dell’arte: soluzioni tecniche uniche ed esclusive, concepite da Alfa Romeo per esaltare il proprio DNA. Il paradigma di Alfa Romeo: l’elettrificazione è al servizio del Marchio e del suo DNA, con la missione di reinventare la sportività nel ventunesimo secolo.
  • Due i livelli di elettrificazione, Hybrid e Plug-in Hybrid Q4, sviluppati da Alfa Romeo per garantireprestazioni “best in class”.
  • Sulla versione Hybrid Alfa Romeo propone una vera esperienza di guida elettrificata: esordisce in esclusiva l’inedito sistema a 48V Hybrid VGT (Variable Geometry Turbo), specifico Alfa Romeo, capace di trasmettere moto alle ruote anche quando il propulsore a combustione interna è spento.
  • La versione Plug-in Hybrid Q4 a trazione integrale da 275 CV rappresenta il best in class della categoria con un’autonomia, in elettrico, prevista fino a 80 km* nel ciclo cittadino. E’ la versione più potente ed efficiente della gamma.
  • Il cliente è al centro dell’universo Alfa Romeo. Qualità del prodotto e dei servizi ai massimi livelli per una customer experience completamente ridefinita: garanzia estesa, programma di certificazione dell’usato, selling online.
  • Soluzioni tecniche specifiche per una dinamica di guida di riferimento nel segmento.
  • Alfa Romeo Tonale sarà ordinabile da Aprile nell’esclusiva versione di lancio “EDIZIONE SPECIALE”.

IL MODELLO IN SINTESI

IL DESIGN: FEDELE ALLA CONCEPT CAR, ITALIANO E INCONFONDIBILMENTE ALFA ROMEO

Il design definitivo di Tonale è straordinariamente fedele a quello della concept car da cui prende origine, grazie allo straordinario lavoro compiuto dal Centro Stile Alfa Romeo.
Destinato a un cliente giovane, metropolitano e dinamico, Alfa Romeo Tonale propone un design distintivo, sensuale e proiettato al futuro, in cui si esaltano i nuovi canoni stilistici che rimarranno i punti fermi nello sviluppo della gamma Alfa Romeo: i cerchi ruota a 5 fori, il cluster nel quadro strumenti “ a cannocchiale”, il volante sportivo a tre razze e i fari a sinusoide. Le sue dimensioni compatte – lunghezza 4.53 metri, larghezza 1.84 m. e altezza 1.6 m. – racchiudono così l’unicità del design italiano e lo stile originale e moderno tipicamente Alfa Romeo, in una sintesi tra un heritage prezioso e l’anticipazione del futuro.
Vi ricorrono infatti stilemi entrati nella storia dell’automobilismo mondiale, come la “GT Line” che corre dal posteriore sino al proiettore anteriore rievocando le forme della Giulia GT e alternandosi con i  volumi pieni ed eleganti, che richiamano vetture iconiche come l’8C Competizione. Sul frontale campeggiano l’inimitabile “Trilobo” e il distintivo “Scudetto” Alfa Romeo, che funge da punto di forza centrale.
La fanaleria anteriore “3+3” con nuovi fari Full-LED Adaptive Matrix evoca lo sguardo fiero di SZ Zagato o del concept Proteo. Sviluppati insieme a Marelli, i tre moduli  compongono una frontline unica della vettura e forniscono al contempo luce diurna, indicatore di direzione dinamico e dispositivo “Welcome and Goodbye” (la funzione che si attiva ogni volta che il guidatore chiude o apre l’auto), garantendo le migliori condizioni di illuminazione grazie all’introduzione di due tecnologie sofisticate: l’“Adaptive Driving Beam”, che fornisce una regolazione continua dei fari anabbaglianti in base alla velocità e alle specifiche condizioni di guida,  e la “Glare-Free High Beam Segmented Technology”, che rileva automaticamente il traffico frontale e/o nel senso opposto per evitare l’abbagliamento delle altre auto; e infine un terzo modulo che si attiva automaticamente nella svolta in curva per garantire la miglior illuminazione laterale. Queste tecnologie offrono più efficienza – in termini di durata e risparmio energetico con un’emissione luminosa doppia rispetto alle tradizionali lampade alogene e meno emissioni – e maggiore sicurezza, grazie al minore affaticamento degli occhi e un migliore comfort di guida.
Le luci posteriori presentano gli stessi elementi di stile dei fari anteriori e formano una sinusoide che avvolge completamente il lato posteriore della vettura, rendendola una vera e propria firma luminosa unica e distintiva.
La sensualità e il dinamismo della vettura si evincono anche dal lunotto posteriore avvolgente, che rende omaggio all’8C Competizione, e dal design dei cerchi in lega che ripropone lo stilema Alfa Romeo del “disco telefonico”.
Ispirati alla storia racing di Alfa Romeo, gli interni sono concepiti in funzione del guidatore, con tutti i comandi facilmente raggiungibili per un’esperienza di guida sicura e ineguagliabile. La stessa cura viene riservata ai passeggeri che hanno a disposizione lo spazio ideale per viaggiare comodamente. Nasce così un ambiente disegnato per e intorno agli occupanti, connotato da una meticolosa cura dei dettagli che sposa la ricerca continua della più elevata qualità.
L’ambiente interno di Tonale suscita emozioni vere, senza dimenticare la dotazione tecnologica di ultima generazione che assicura un’esperienza connessa e confortevole, mantenendo al contempo il piacere di una guida sportiva sempre ai vertici.

TECNOLOGIA DA PRIMATO: PER ALFA ROMEO SOFTWARE E CONNECTIVITÀ ESALTANO L’ESPERIENZA DI GUIDA E PROTEGGONO IL VALORE RESIDUO

In esclusiva mondiale, su Tonale debutta la tecnologia NFT (Non-Fungible-Token), una novità assoluta nel settore automotive. Alfa Romeo è infatti il primo costruttore a collegare la vettura a un certificato digitale NFT. La tecnologia si basa sul concetto di “blockchain card”, un registro digitale secretato e non modificabile sul quale vengono riportate le principali informazioni sulla singola vettura. Questa off-board feature distintiva, di immediato utilizzo e sostenibile, sottolinea il carattere innovativo di Alfa Romeo. In base alla selezione del cliente, l’NFT riporterà i dati sulla vita vettura, generando così una certificazione che potrà essere utilizzata come garanzia del buon mantenimento della vettura, supportandone di conseguenza il valore residuo. Sul mercato dell’usato, la certificazione NFT rappresenterà infatti un’addizionale fonte di credibilità sulla quale il possessore/rivenditore potrà contare, mentre l’acquirente sarà rassicurato nella scelta della vettura.

Alfa Romeo interpreta l’utilizzo del software e della connettività per esaltare le sensazioni del guidatore, che è e rimane al centro. Per questo Tonale è dotata della tecnologia più avanzata per assicurare una esperienza connessa e confortevole, mantenendo al contempo il piacere di guida tipico di una Alfa Romeo.
Tra le maggiori novità di Alfa Romeo Tonale vi è l’integrazione delle funzionalità dell’assistente vocaleAmazon Alexa che consente di vivere la propria vettura con la sensazione di “sentirsi a casa”, rendendo ancora più semplice e ricca di comfort l’esperienza quotidiana.
L’integrazione con Amazon è completa: grazie al Secure Delivery Service, si può scegliereTonale come luogo di consegna di pacchi in arrivo, sbloccando le porte e consentendo al corriere di depositarli all’interno della propria vettura in tutta sicurezza.
Inoltre è possibile essere costantemente aggiornati sullo status del proprio veicolo comodamente da casa, di conoscere il livello di carica e/o del carburante, di ricercare i punti di interesse, di acquisire l’ultima posizione della propria vettura, di mandare comandi remoti di blocco e sblocco porte, e molto altro. Inoltre, tramite “Alexa” è possibile chiedere di aggiungere prodotti alla lista della spesa, di cercare un ristorante nelle vicinanze, di regolare le luci o il riscaldamento della propria abitazione domotica, il tutto senza distrarsi dalla guida.

Tonale offre di serie un sistema di infotainment integrato e completamente nuovo che, grazie al sistema operativo Android personalizzabile e alla connettività 4G con aggiornamenti “Over The Air” (OTA), garantisce contenuti, funzionalità e servizi sempre aggiornati.
Questo sistema annovera uno schermo da 12,3” totalmente digitale, l’unità principale touchscreen da 10,25” e una sofisticata interfaccia multitasking fluida che consente di avere tutto sott’occhio senza distogliere l’attenzione dalla strada e garantisce un’esperienza “smartphone like”. Con una dimensione totale di 22.5”, i due grandi schermi Full TFT rappresentano il “best in class” nel segmento.

Tecnologia anche al servizio della sicurezza e del comfort: guida autonoma è di livello 2, con nuovi sistemi ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) che intervengono secondo la filosofia Alfa Romeo. Anche in questo caso il software è al servizio del DNA del marchio, con il guidatore sempre al centro. Pertanto tutti i sistemi intervengono senza mai snaturare le sensazioni del guidatore, cui vengono lasciati il controllo e l’emozione di guida.
Tra questi ricordiamo l’“Intelligent Adaptive Cruise Control” (IACC) e il “Lane Centering” (LC) ed il “Traffic Jam Assist”- che regolano automaticamente velocità e traiettoria, mantenendo l’auto al centro della corsia e a distanza dal veicolo che la precede, garantendo così sicurezza e comfort. Equipaggiano Tonale anche altri dispositivi e tecnologie innovative che perfezionano l’interazione tra il conducente, il veicolo e la strada: dall’”Autonomous Emergency Braking”, che avvisa il guidatore del pericolo e frena il veicolo per evitare o mitigare la collisione anche nell’eventualità di un pedone o un ciclista, al sistema “Drowsy Driver Detection”chemonitorala sonnolenza del conducente e lo avvisa in caso di necessità; dal’”Blind Spot Detection”, che rileva gli angoli ciechi posteriori segnalando eventuali veicoli in avvicinamento per evitare la collisione, al “Rear Cross Path Detection”, che individua i veicoli in avvicinamento laterale quando si va in retromarcia, fino alla telecamera a 360° ad alta risoluzione con griglia dinamica.

ELETTRIFICAZIONE ALLO STATO DELL’ARTE, CON SOLUZIONI CONCEPITE PER ESALTARE IL DNA DEL MARCHIO

Tonale segna per il Brand il naturale ingresso nel mondo dell’elettrificazione ma, fedele alla propria attitudine audace, Alfa Romeo definisce un paradigma: l’elettrificazione deve essere al servizio del Marchio e del suo DNA, con la missione di reinventare la sportività nel ventunesimo secolo.
Un impegno concreto verso un futuro orientato alla mobilità sostenibile, ma che al contempo tiene fede ai valori fondanti.
Due i livelli di elettrificazione, Hybrid e Plug-in Hybrid: su Tonale esordisce infatti il motore Hybrid VGT (Variable Geometry Turbo) da 160 CV, in esclusiva per Alfa Romeo. Il propulsore 1.5 benzina con turbo a geometria variabile abbinato alla trasmissione automatica a doppia frizione sette marce Alfa Romeo TCT con motore elettrico “P2” 48 volt da 15 kW e 55 Nm è capace di trasmettere moto alle ruote anche quando il propulsore a combustione interna è spento. Alfa Romeo sceglie questa soluzione tecnica per offrire un’autentica esperienza elettrificata. La trasmissione consente infatti di partire e muoversi in modalità elettrica alle basse velocità, nelle manovre di parcheggio e in fase di veleggiamento. Al lancio è disponibile anche la versione Hybrid da 130 CV sempre accoppiata con l’ Alfa Romeo TCT a sette rapporti con motore elettrico “P2” 48 volt.
Il vertice delle prestazioni è garantito dall’esclusivo Plug-in Hybrid Q4 da 275 CV, che registra un’accelerazione 0-100 km/h in soli 6,2 secondi e un’autonomia, in puro elettrico, prevista fino 80 km* nel ciclo cittadino (oltre 60 km* nel ciclo combinato), best in class nel segmento.  La trazione Q4, standard per la motorizzazione Plug in Hybrid, garantisce un livello di sicurezza e un piacere di guida senza pari.
Completa la gamma di motorizzazioni il nuovo diesel 1,6 litri da 130 CV e 320 Nm di coppia, in abbinamento al cambio automatico doppia frizione a 6 marce Alfa Romeo TCT e alla trazione anteriore.

Stellantis ha deciso di localizzare la Gigafactory italiana a Termoli. Sarà il terzo polo industriale in Europa per produrre batterie per i veicoli elettrici del futuro. Scartata l’ipotesi Torino

La terza gigafactory in Europa del gruppo  Stellantis sarà localizzata in Italia e precisamente a Termoli. Scartata l’ipotesi Torino/Mirafiori. Nella tarda mattinata dell’8 luglio 2021 lo ha comunicato ufficialmente il CEO del gruppo nato dalla fusione di PSA e FCA Carlos Tavares all’avvio in streaming dell’Electrification Day del Gruppo Stellantis. “Dopo Francia e Germania abbiamo trovato un accordo con il governo italiano per realizzare a Termoli la nostra terza gigafactory per la produzione di batterie per veicoli elettrici in Europa. A pieno regime avremo cinque gigafactory in Europa ed anche negli USA con 260 GWh di capacità installata confermando che ci saranno quattro piattaforme dedicate per i nuovi modelli che avranno da 500 ad 800 km di autonomia. ” E’ quanto ha dichiarato il numero uno Tavares. Gli altri due stabilimenti dedicati sono localizzati in Francia e Germania. La notizia è stata accolta con soddisfazione dai rappresentanti sindacali e dai rappresentanti istituzionali del Molise. Tra le ragioni della scelta la vicinanza dello stabilimento di Termoli alle altre fabbriche ex FCA nelle regioni limitrofe ovvero: Sevel (Val di Sangro – Abruzzo), Melfi (PZ), Cassino (FR) e Pomigliano (NA).

TERMOLI PLANT PRODUZIONE MOTORISTICA OGGI – A Termoli sono prodotti per l’Alfa Romeo i nuovi quattro cilindri di 2 litri turbo a benzina da 200, e 280 cavalli e il tremila V6 biturbo, sempre a ciclo otto, sviluppato da Ferrari e che gira, in vari livelli di potenza, sotto il cofano anche delle Maserati. Questa unità inizia il suo ciclo produttivo a Maranello e viene “chiuso” a Termoli. La capacità produttiva di Termoli è di circa 200 mila motori all’anno. La fabbrica è stata aperta nel nel 1972 e da allora ha prodotto oltre ventitrè milioni di motori e oltre tredici milioni di cambi. È infatti uno dei pochissimi stabilimenti al mondo a produrre sia motori sia trasmissioni, dimostrando un elevato grado di flessibilità. Ha raggiunto il proprio record produttivo nel 2009, con oltre 971.000 motori costruiti nell’anno. I dipendenti attuali sono 2.400, di cui il 94% proveniente dal Molise, il resto dalla Puglia Nord e dall’Abruzzo.

Alfa Romeo e Sauber Motorsport rinnovano la partnership con un accordo pluriennale

Alfa Romeo e Sauber Motorsport riconfermano la loro collaborazione al più alto livello degli sport motoristici. Con rinnovato spirito di squadra, il team svizzero e lo storico marchio italiano annunciano il prolungamento della loro partnership con un accordo pluriennale con assessment annuali.

Il rinnovo di questo rapporto rappresenta un nuovo entusiasmante capitolo nella lunga e prestigiosa storia degli sport motoristici per due marchi che vantano una eredità straordinaria nel motorsport, che include successi in Formula 1, auto sportive e vetture stradali.

La partnership prevede obiettivi ambiziosi di progressivo miglioramento anno dopo anno e permetterà alle due parti di sviluppare la loro visione per il futuro in un contesto stabile, consentendo a Sauber Motorsport e Alfa Romeo di costruire il loro successo in pista e fuori.

Dal suo ritorno allo sport nel 2018, la squadra è passata dal fondo alla zona centrale della griglia, facendo crescere nuovi entusiasmanti talenti quali Charles Leclerc e Antonio Giovinazzi e portando in squadra il nome iconico di Kimi Räikkönen, trasformandosi in uno dei team con il maggior potenziale.

I significativi aggiornamenti del regolamento che la Formula 1 subirà nel 2022 costituiscono un’opportunità per compiere un sostanziale passo in avanti, dato l’assetto snello e agile della squadra e il nuovo tetto di budget adottato nel 2021.

Il prolungamento della partnership tra Sauber Motorsport e Alfa Romeo mostra il desiderio di entrambe le parti di continuare a migliorare insieme, con l’obiettivo di disegnare un futuro entusiasmante per il team e per il marchio.

Alfa Romeo sta ora scrivendo il suo futuro e progettando il suo piano a lungo termine. Dotato di patrimonio unico e spiccatamente italiano, il marchio resterà fedele alle sue radici anche attraverso il cambio di paradigma rappresentato dall’elettrificazione. Il piacere di guida e la passione rimarranno centrali e l’elettrificazione darà al marchio la possibilità di ridefinire il concetto di prestazioni sostenibili.

Kimi Räikkönen sceglie Stelvio per la sua vita lontano dai circuiti

Conclusa la stagione sportiva, Alfa Romeo rimane al fianco di Kimi Räikkönen. Il marchio italiano ha infatti consegnato al campione finlandese una Stelvio Veloce 2.0 Turbo Benzina 280 CV AT8 Q4. Contraddistinta dalla livrea Rosso Alfa e configurata personalmente dal campione, la vetturasarà la sua compagna di viaggio durante il periodo lontano dai riflettori del campionato del mondo di F1 e lo accompagnerà in tutta sicurezza grazie alla trazione integrale con tecnologia Alfa Q4.

Arnaud Leclerc – Responsabile Brand Alfa Romeo per la regione EMEA: «Archiviata una stagione sportiva molto intensa è tempo di staccare la spina e dedicarsi ai propri affetti familiari. Anche quest’anno Kimi, insieme ad Antonio ovviamente, ci ha regalato forti emozioni. Lo abbiamo sostenuto e gli siamo stati vicini durante ogni singolo GP. E continuiamo a farlo a bordo della Stelvio che Kimi ha personalmente configurato. Una scelta che ci fa sentire affiatati, in attesa di una nuova emozionante stagione».

Kimi Räikkönen – Pilota Alfa Romeo Racing ORLEN: «Dopo un’intensa stagione 2020, è tempo di tornare alla vita di tutti i giorni insieme alla propria famiglia. Non intendo comunque rinunciare al piacere di guida, e la scelta di Stelvio Veloce 2.0 280 CV con trazione integrale Alfa Q4 mi garantisce di poterlo fare in assoluta sicurezza, anche sugli scenari innevati della Finlandia».

Un rettilineo innevato o una curva sotto una pioggia battente. Sono tutte “sfide quotidiane” nei Paesi Nordici, situazioni al limite per mettere alla prova l’agilità e la potenza di Alfa Romeo Stelvio. Per affrontarle al meglio, il campione del mondo Räikkönen potrà contare sull’innovativo sistema Q4 Alfa Romeo, l’efficiente trazione integrale con tecnologia Q4 che assicura tutti i vantaggi della trazione integrale e, allo stesso tempo, garantisce consumi ridotti, reattività e tutto il piacere di guida di un’auto a trazione posteriore.

Cuore pulsante del sistema è il sistema attivo di ripartizione della coppia (scatola di rinvio attiva o ATC) che monitora in tempo reale le condizioni di aderenza e le richieste del pilota per garantire sempre le migliori performance trasferendo in meno di 150ms, se necessario, fino al 50% della coppia motrice alle ruote anteriori attraverso un differenziale anteriore estremamente compatto e leggero. La ripartizione di coppia fra asse anteriore e posteriore viene quindi modulata continuamente con estrema precisione in funzione delle condizioni di trazione effettive e dei comandi del pilota: questo si traduce in un controllo della vettura ai vertici della categoria in termini di trazione e stabilità direzionale in curva.

Kimi Räikkönen potrà quindi mettere alla prova la sua Stelvio Veloce 2.0 Turbo Benzina 280 CV AT8 Q4 in qualunque situazione che le terre innevate della Finlandia gli riserveranno. Senza contare che l’allestimento Veloce rappresenta la massima espressione di sportività della gamma, sia negli esterni – paraurti specifici, finiture dark miron, esclusivi cerchi in lega – sia negli interni dove spiccano sedili sportivi in pelle con fianchetti regolabili e volante sportivo in pelle con shift paddles in alluminio. Il tutto arricchito dal nuovo Alfa Connect 8,8″ MultiTouch, l’inedito quadro strumenti 7″ TFT e i nuovi sistemi di assistenza ADAS e guida autonoma di livello 2 che amplificano le emozioni di guida e la centralità del conducente.

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio eletta Auto sportiva dell’anno

All’elezione di “Auto sportiva dell’anno” lanciata dalla rivista specializzata AUTO BILD SPORTSCARS, nessun’altra categoria come quella dedicata a “Berline e station wagon / Vetture di serie” ha visto la partecipazione di un numero così alto di concorrenti, ben 24. E il vincitore è Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio.

Il modello top della serie replica quindi il successo di Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, risultata prima della propria categoria nella competizione promossa da AUTO BILD SPORTSCARS esattamente un anno fa. Le due vetture, insignite dello stesso premio, montano entrambe il motore V6 biturbo a benzina, che eroga 375 kW (510 CV). Giulia Quadrifoglio è lo showcase dell’eccellenza Alfa Romeo ed esprime ancora di più performance, DNA vincente e stile inconfondibilmente italiano. Il rinnovamento della gamma si completa con questo concentrato di ricercate soluzioni tecniche e prestazionali, in cui dove Giulia rappresenta la più raffinata espressione di un design funzionale e tipicamente italiano, in pieno stile Alfa Romeo.

Le prestazioni, ai vertici della categoria, sono assicurate dal potente propulsore 2.9 V6 Bi-Turbo, realizzato interamente in alluminio e capace di sprigionare ben 510 CV e 600 Nm di coppia massima a 2.500 giri/min, scaricati a terra grazie al sistema Alfa™ Active Torque Vectoring. Il cambio automatico ad 8 rapporti è calibrato per ottimizzare fluidità e comfort, ma è in modalità RACE che Giulia esprime tutto il suo potenziale, con cambiate fulminee in soli 150 millisecondi.

Numerosi sistemi funzionali al piacere di guida equipaggiano Giulia Quadrifoglio per offrire la più autentica e coinvolgente esperienza al volante: le sospensioni attive Alfa™ Active Suspension, il selettore Alfa™ DNA Pro con modalità RACE, l’Alfa™ Active Aero splitter, coordinati e adattati in tempo reale dall’unità di controllo Alfa™ Chassis Domain Control, che consente alla vettura e al guidatore di avere sempre le condizioni ideali per sfruttare appieno le eccezionali prestazioni del veicolo.

Per l’elelzione del titolo di “Auto sportiva dell’anno”, gli editori di AUTO BILD SPORTSCARS hanno offerto ai loro lettori la scelta tra 117 modelli di veicoli attuali, suddivisi in dieci categorie, dalle utilitarie ai SUV, sia in versione standard che modificata.

Mercato auto USA nel primo trimestre 2020: Alfa Romeo ha segnato -14% mentre il Gruppo FCA ha segnato – 10%

Auburn Hills, Michigan, USA – Il Gruppo FCA ha reso noto i dati di vendita del primo trimestre, si è registrato un decremento del 10%. L’impatto negativo di marzo 2020 del Coronavirus è stato in parte arginato dall’andamento positivo dei primi due mesi.

DATI DI VENDITA FCA NEL PRIMO TRIMESTRE 2020 – Nel primo trimestre 2020, le vendite statunitensi di FCA sono state di 446.768 veicoli rispetto a 498.425 dello stesso periodo dell’anno precedente. Le vendite retail sono state di 306.898 veicoli, mentre le vendite derivanti dal mercato flotte ha rappresentato il 31% delle vendite totali. E’ solo il brand RAM Trucks che ha registrato segnale positivo tra tutti i marchi del Gruppo FCA

DATI DI VENDITA DEL BRAND ALFA ROMEO NEL PRIMO TRIMESTRE 2020 – Il brand Alfa Romeo nel primo trimestre 2020 negli USA ha venduto 3.703 vetture rispetto alle 4.286 vetture del primo trimestre 2019 segnando un – 14%. Ecco i dettagli per ogni modelli: Giulia a 1.759 vetture ( rispetto alle 2.035 del 2019), Alfa 4C con 31 vetture ( rispetto alle 41 vetture del 2019), Alfa Romeo Stelvio a 1.913 vetture ( rispetto ai 2.210 esemplari del 2019).

Alfa Romeo 4C USA - www.mitoalfaromeo.com
Alfa Romeo 4C USA – www.mitoalfaromeo.com

Alfa Romeo in Italia ad aprile 2020 ha segnato – 93,38%, con un mercato nazionale a – 97,55%. Giulietta, Stelvio e Giulia vendono più delle vetture concorrenti

Il mercato automobilistico italiano ha segnato ad aprile 2020 una flessione del 97,55 %. Sono state immatricolate 4.279 vetture a fronte delle 174.924 vetture registrate ad aprile 2019. Con una perdita di quasi 171.000 unità la pandemia da Coronavirus ha messo in ginocchio il comparto automobilistico italiano.

Alfa Romeo ha immatricolato 147 vetture rispetto alle 2.219 di aprile 2019. Il decremento è pari al – 93,38 %. La quota di mercato è salita dall’ 1,27 % al 3,44 %. Nella classifica TOP 50 del mese di aprile le tre Alfa si sono comunque difese molto bene: Al 17° posto si è classificata la Giulietta con 59 unità, il Suv Stelvio al 23° posto con 51 unità e al 31° posto Alfa Giulia con 37 unità. Rispetto alle vetture concorrenti i modelli del Biscione non sono crollati e tra l’altro la Giulia è offerta solo con carrozzeria berlina, mentre le concorrenti tedesche hanno altresì in gamma la versione station wagon.

ANALISI COMPARATA ALFA GIULIETTA CON LE SUE CONCORRENTI – FOCUS MESE DI APRILE 2020

Alfa Romeo Giulietta – 59 unità – 17° posto
Bmw Serie 1 – 52 unità – 22° posto
Volkswagen Golf – 47 unità – 25° posto

ANALISI COMPARATA ALFA GIULIA CON LE SUE CONCORRENTI – FOCUS MESE DI APRILE 2020

Alfa Romeo GIULIA – 37 unità – 31° posto
Audi A4 – 13 unità – 38° posto
Le altre concorrenti non sono presenti nella classifica TOP 50

ANALISI COMPARATA ALFA STELVIO CON LE SUE CONCORRENTI – FOCUS MESE DI APRILE 2020

Alfa Stelvio 51 unità – 23° posto
Land Rover Range Rover Evoque – 25 unità – 36° posto

7 maggio 2020: dalla fabbrica motoristica FCA di Termoli esce di scena il motore Fire dopo 35 anni e 23 milioni di motori prodotti

7 maggio 2020: dalla fabbrica motoristica FCA di Termoli esce di scena il motore Fire dopo 35 anni e 23 milioni di motori prodotti

TERMOLI (CB) – Il 7 maggio 2020 è diventata una data che resterà nella storia dell’automobile. Dallo stabilimento motoristico FCA di Termoli in Molise è uscito l’ultimo motore Fire n°23.233.856. Il leggendario motore FIRE esce di scena dopo trentacinque anni di onorata carriera su scala mondiale, fu equipaggiato da vetture Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Dodge, Ford, Jeep ed anche dalla Tata in India. Fire è l’acronimo di Fully Integrated Robotized Engine e tra i punti di forza il peso ridotto, semplicità costruttiva, affidabilità e longevità hanno consentito consumi di carburante bassi e costi di manutenzione economici, successivamente in parte imitati dalla concorrenza. Le cilindrate del Fire sono state le seguenti : 1.0 , 1.1 , 1.2 e 1.4 aspirato, bi-fuel, benzina/gpl, benzina/metano, turbo e con tecnologia MultiAir. L’evoluzione del 1.4 Turbo MultiAir con 160cv ha rappresentato uno step decisivo per l’acquisizione del Gruppo Chrysler da parte del Gruppo Fiat. L’ 11 gennaio 2012 il Gruppo Fiat incrementò la sua quota di partecipazione societaria al 58,5% di Chrysler Group raggiungendo il terzo performance event (“Ecological Event”) contemplato dall’Operating Agreement di Chrysler sottoscritto con il Governo USA targato Barack Obama. Si prevedeva infatti la realizzazione di una vettura su base Fiat con una performance in termini di percorrenza pari ad almeno 40 miglia per gallone, con l’impegno ad avviarne la produzione su scala industriale negli Stati Uniti. La vettura fu la Dodge Dart, realizzata sulla base tecnica dell’Alfa Romeo Giulietta con il 1.4 Turbo MultiAir con 160cv. Scommessa vinta grazie al Fire .Era il 7 maggio 2012 quando la Dodge Dart uscì dallo stabilimento statunitense di Belvidere, localizzato nell’Illinois (USA) con ben in evidenza il motore di origine italiana.

DOPO DEL FIRE NUOVA VITA CON IL FIREFLY – Al suo posto la famiglia FireFly di clindrata 1.0 e 1.5 in versione sia ibrida che aspirata. Il capannone di “Termoli 3” che è stato costruito per avviare la produzione del motore FIRE, venne inaugurato il 30 marzo del 1985 alla presenza del Presidente della Repubblica Sandro Pertini e dell’Avvocato Giovanni Agnelli.

VETTURE EQUIPAGGIATE CON IL FIRE IN TUTTO IL GLOBO – I veicoli che sono stati equipaggiati con il leggendario sono stati in ordine cronologico: Autobianchi Y10, Fiat Panda, Fiat Uno, Fiat Tipo, Fiat 500, Fiat Punto, Fiat Bravo/Brava, Fiat Palio, Fiat Marea, Fiat 600, Lancia Y, Fiat Panda 2003, Fiat Idea, Lancia Ypsilon, Lancia Musa, Fiat Grande Punto, Fiat Bravo, Fiat 500 2007, Lancia Delta, Fiat Fiorino, Fiat Qubo, Ford Ka II, Alfa Romeo MiTo, Alfa Romeo Giulietta, Tata Indica Vista , Tata Indigo Manza , Fiat 500L, Fiat 500X, Jeep Renegade, Jeep Compass, Abarth 124 Spider, Fiat 124 Spider , Fiat Perla ( solo in Cina ), Fiat Viaggio ( solo in Cina ), e Fiat Ottimo ( solo in Cina), Dodge Dart, e Fiat Tipo 2015. Anche sui veicoli commerciali Fiat Professional c’è stata l’adozione di questo propulsore: Fiat Fiorino, Fiat Doblò, Fiat Strada, Fiat Panda Van , Fiat Punto Van. La versione USA del Doblò, ridenominata RAM Promaster City invece è equipaggiata con un 2.4 Chrysler – Tigershark con 178 cv e 236 Nm.

TERMOLI PLANT PRODUZIONE MOTORISTICA OGGI – A Termoli sono prodotti per l’Alfa Romeo i nuovi quattro cilindri di 2 litri turbo a benzina da 200 e 280 cavalli e il tremila V6 biturbo, sempre a ciclo otto, sviluppato da Ferrari e che gira, in vari livelli di potenza, sotto il cofano anche delle Maserati. Questa unità inizia il suo ciclo produttivo a Maranello e viene “chiuso” a Termoli. La capacità produttiva di Termoli è di circa 200 mila motori all’anno. La fabbrica è stata aperta nel nel 1972 e da allora ha prodotto oltre ventitrè milioni di motori e oltre tredici milioni di cambi. È infatti uno dei pochissimi stabilimenti al mondo a produrre sia motori sia trasmissioni, dimostrando un elevato grado di flessibilità. Ha raggiunto il proprio record produttivo nel 2009, con oltre 971.000 motori costruiti nell’anno. I dipendenti attuali sono 2.400, di cui il 94% proveniente dal Molise, il resto dalla Puglia Nord e dall’Abruzzo.