Pubblicato lo studio L’AUTO 2016 – Sintesi Statistica UNRAE

Segnalo la pubblicazione dello studio L’Auto 2016 realizzato dall’Unrae.

I temi che sono stati trattati: Il mercato in Italia – Canali di vendita e alimentazioni – Segmenti, nicchie, province e regioni – Il parco circolante – Le emissioni di CO2 – Il mercato dell’usato – Evoluzione delle reti di vendita – Produzione e mercati nel mondo – Top ten in Europa.

Scarica il pdf a questo indirizzo

PSA Group: Carlos Tavares sostiene la nomina di Michael Lohscheller come CEO di Opel

Leggo su Investire OGGi che il CEO di PSA Group Carlos Tavares sostiene la nomina di Michael Lohscheller come CEO di Opel, in sostituzione di Karl-Thomas Neumann. Il gruppo tedesco ha riferito le dimissioni del suo amministratore delegato, nel momento in cui la vendita di Opel a PSA diventerà ufficiale. “Sosteniamo pienamente la decisione di nominare Mr. Lohscheller come nuovo CEO di Opel”. “Il dirigente sarà circondato dai migliori talenti di Opel per portare l’azienda verso nuovi orizzonti nell’interesse dei suoi dipendenti, clienti e partner.” ha dichiarato il numero uno del gruppo francese. A questo punto il primo passo della nuova acquisizione del gruppo PSA comincia a dare i suoi primi frutti, e sul resto? Aspettiamo. Lo scorso anno Psa ha venduto a livello globale 3,15 milioni di autovetture, contro 1,16 milioni di Opel. Carlos Tavares, leader del gruppo, si propone di incrementare le vendite del futuro quintetto (Peugot, Citroën, DS, Opel e Vauxhall) fino a 5 milioni di autovetture nei prossimi 5-10 anni. Con questi numeri l’azienda automobilistica franco-tedesca registrerebbe una crescita relativamente vigorosa, tenuto conto delle sue proporzioni, ma sempre nell’ambito di una dimensione media nel ramo: all’incirca metà di quanto vendono fin d’ora Volkswagen, Toyota o Gm. Da qui al 2026, l’ad Tavares avrebbe ipotizzato sinergie per 1,7 miliardi di euro all’anno. Sommando i dati di Opel e Peugeot, risulta che nel 2016 le due aziende hanno venduto il 71% della loro produzione in Europa: secondo gli esperti, una percentuale eccessiva. ma va considerato che Opel si impone sui mercati in cui Psa è invece assai meno presente.

24 giugno 2017: 107 anni di Alfa Romeo, auguri al cuore sportivo

L’ ALFA (Anonima Lombarda Fabbrica Automobili) nacque ufficialmente il 24 giugno 1910. I proprietari erano imprenditori italiani che rilevarono la Darracq con il suo stabilimento al Portello (dove oggi sorge la Nuova Fiera di Milano). La prima Alfa fu la 24 HP del 1910,Interamente progettata da Giuseppe Merosi e da altri tecnici italiani, la 24 HP si fa apprezzare per la meccanica, per le prestazioni e per il piacere di guida, caratteristiche che diventeranno simboli del Marchio. Il motore di 4084 centimetri cubi eroga 42 cavalli, e permette di superare i 100 chilometri l’ora,una velocità notevole per l’epoca.L’anno seguente, all’esordio sportivo, sta per vincere la Targa Florio, ma deve ritirarsi per un banale incidente: il pilota è accecato da uno spruzzo di fango.

( leggi tutta la storia sul portale alfista MitoAlfaRomeo.com >>> )

Il new deal Alfa Romeo è ripartito il 24 giugno 2015 ad Arese: non c’era nulla da cambiare, dovevamo cambiare noi!

Esattamente due anni fa al Museo Storico Alfa Romeo di Arese (MI) la dirigenza FCA presenta in anteprima mondiale la Nuova Giulia, ovvero il nuovo corso Alfa Romeo. La frase che più segna la rinascita Alfa Romeo è quella dell’AD del Biscione, Harald Wester che durante la presentazione dice a chiare lettere: Non c’era nulla da cambiare, dovevamo cambiare noi! Un mea culpa improntato su un approccio umile che ha portato ad una strategia a 360° dove è stata unita tradizione ed innovazione come richiedeva il DNA di questo brand. A due anni dalla presentazione la promessa è stata ampiamente mantenuta e rispettata. Il piano di rilancio sta iniziando a portare numeri importanti e a rilanciare l’esclusività del brand.