Stellantis ha deciso di localizzare la Gigafactory italiana a Termoli. Sarà il terzo polo industriale in Europa per produrre batterie per i veicoli elettrici del futuro. Scartata l’ipotesi Torino

La terza gigafactory in Europa del gruppo  Stellantis sarà localizzata in Italia e precisamente a Termoli. Scartata l’ipotesi Torino/Mirafiori. Nella tarda mattinata dell’8 luglio 2021 lo ha comunicato ufficialmente il CEO del gruppo nato dalla fusione di PSA e FCA Carlos Tavares all’avvio in streaming dell’Electrification Day del Gruppo Stellantis. “Dopo Francia e Germania abbiamo trovato un accordo con il governo italiano per realizzare a Termoli la nostra terza gigafactory per la produzione di batterie per veicoli elettrici in Europa. A pieno regime avremo cinque gigafactory in Europa ed anche negli USA con 260 GWh di capacità installata confermando che ci saranno quattro piattaforme dedicate per i nuovi modelli che avranno da 500 ad 800 km di autonomia. ” E’ quanto ha dichiarato il numero uno Tavares. Gli altri due stabilimenti dedicati sono localizzati in Francia e Germania. La notizia è stata accolta con soddisfazione dai rappresentanti sindacali e dai rappresentanti istituzionali del Molise. Tra le ragioni della scelta la vicinanza dello stabilimento di Termoli alle altre fabbriche ex FCA nelle regioni limitrofe ovvero: Sevel (Val di Sangro – Abruzzo), Melfi (PZ), Cassino (FR) e Pomigliano (NA).

TERMOLI PLANT PRODUZIONE MOTORISTICA OGGI – A Termoli sono prodotti per l’Alfa Romeo i nuovi quattro cilindri di 2 litri turbo a benzina da 200, e 280 cavalli e il tremila V6 biturbo, sempre a ciclo otto, sviluppato da Ferrari e che gira, in vari livelli di potenza, sotto il cofano anche delle Maserati. Questa unità inizia il suo ciclo produttivo a Maranello e viene “chiuso” a Termoli. La capacità produttiva di Termoli è di circa 200 mila motori all’anno. La fabbrica è stata aperta nel nel 1972 e da allora ha prodotto oltre ventitrè milioni di motori e oltre tredici milioni di cambi. È infatti uno dei pochissimi stabilimenti al mondo a produrre sia motori sia trasmissioni, dimostrando un elevato grado di flessibilità. Ha raggiunto il proprio record produttivo nel 2009, con oltre 971.000 motori costruiti nell’anno. I dipendenti attuali sono 2.400, di cui il 94% proveniente dal Molise, il resto dalla Puglia Nord e dall’Abruzzo.