Magneti Marelli, ecco il nuovo logo globale scelto dai nuovi proprietari nipponici

Un altro pezzo importante della storia automobilistica italiana è stato ceduto dal Gruppo FCA ai giapponesi di Calsonic Kansei . Era nell’aria e l’AD Mike Manley lo aveva annunciato nelle scorse settimane. La domanda sorge spontanea, perchè? Il Sole 24 Ore ha dato questa risposta: Semplice: per fare cassa e avere i fondi necessari a dare esecuzione ad un piano industriale ambizioso che, lanciato il primo giugno 2018 e siglato come ultimo atto da Sergio Marchionne, punta sulla tecnologia con focus su elettrificazione e guida assistita. Oltre che su un’espansione della gamma, soprattutto Jeep, senza precedenti. Per fare queste cose servono piattaforme e queste costano. Costano tanto. Ma se Fca vuole le auto elettriche e ibride perché vendere un’azienda che produce tecnologia in un momento in cui l’automotive diventa sempre più parte dell’industria digitale? La risposta è semplice: a un costruttore automobilistico non serve avere in casa un produttore ma “basta” governare i fornitori. I tedeschi fanno cosi. E costruiscono le auto più tecnologiche del mondo. Il gruppo Volkswagen si è concentrato, spendendo miliardi sulle piattaforme modulari (MQB, MLB e MBE per le elettriche) e sui powertrain.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *